Ogliastro Cilento-Campania-Italy


Immobili in questo comune  Soggiorni vacanza in questo comune



  • Vista_dall__alto_del_centro_storico

Il comune dista circa 7 km dal mare 

L’etimologia è duplice. In prima istanza, Ogliastro derivebbe dal nome “Olliastrum” (a sua volta dal termine “aystron”, ovvero “città” unito al verbo “òllymi”, cioè “distruggere”: Ogliastro sarebbe in tal caso stata edificata in seguito alla devastazione della vicina Agropoli). La seconda ipotesi ci conduce al sostantivo latino (medioevale) “oleastrum”: in apparenza il richiamo all’olivo appare più probabile. Ogliastro era pertinenza di Agropoli, feudo del Vescovo di Paestum sino al 1556, anno in cui venne alienato alla famiglia Spigadore. I passaggi di proprietà del feudo furono numerosi: Bonito, de Clario, Altomare, de Conciliis, sino ai marchesi de Stefano (1741).

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Torchiara, appartenente al Distretto di Vallo del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Torchiara, appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Le frazioni maggiori di Ogliastro sono Eredita e Finocchito.

  • Eredita (dal greco “erèido”, ovvero “poggiare saldamente” in ricordo della caduta di Agropoli e come auspicio di lunga vita al borgo);
  • Finocchito (seu “de Fineclito” dal greco “fyo ek lìtos”, ovvero “nato da una pietra”), è ricordato nel lontano 1078. Era dei principi Sanseverino, dai quali passò per vendita a varie famiglie nobili napoletane, tra le quali i baroni Rizzo, i baroni de Conciliis ed i nobili de Clario (feudatari di Finocchito sino all’eversione della feudalità nel 1806), tuttora insigniti del titolo di baroni di Finocchito..
  •  Strada statale 18 Tirrena Inferiore.
  •  Strada Provinciale 83 Innesto SS 18(Ogliastro Cilento)-Cicerale-bivio SP 13(Trentinara).

Infrastrutture e trasporti

Strade